ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Oltre 175 mila emigrati polacchi si sono iscritti alle liste elettorali per votare dall'estero.

Lettura in corso:

Oltre 175 mila emigrati polacchi si sono iscritti alle liste elettorali per votare dall'estero.

Dimensioni di testo Aa Aa

La diaspora polacca che ha investito soprattutto la Gran Bretagna e l’Irlanda con l’ingresso di Varsavia nell’Unione Europea nel 2004 avrà un peso anche nelle urne, pur se gli iscritti al voto sono solo una minima parte dei due milioni polacchi trasferitisi negli ultimi 3 anni. “Spero che la situazione economica in Polonia migliori e che ci siano qualità della vita e posti di lavoro, così potremo tornare”, dice una ragazza a Londra.

“ Vogliamo essere in grado di rientrare in patria dopo gli studi e trovare un lavoro decente”, ribadisce un’altra elettrice. Sono contento di poter votare, almeno posso dire di averci provato. Se poi non cambierà niente, pazienza. Almeno ci ho provato”.

In Irlanda, circa 22 mila polacchi si sono iscritti per esprimere la loro preferenza all’ambasciata di Polonia a Dublino, Cork o al centro culturale polacco di Limerick. La campagna sia del primo ministro Jaroslaw Kaczynsky sia dello sfidante Donald Tusk non ha dimenticato questi cittadini con la valigia, ma secondo le stime degli analisti il loro voto farà pendere l’ago della bilancia in favore della Piattaforma Civica di Tusk.