ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Pechino protesta contro l'accoglienza del Dalai Lama alla Casa Bianca

Lettura in corso:

Pechino protesta contro l'accoglienza del Dalai Lama alla Casa Bianca

Dimensioni di testo Aa Aa

La Cina protesta per l’incontro di ieri tra il presidente americano George Bush e il Dalai Lama. Il leader tibetano, che dal 1959 vive in esilio in India, è stato ricevuto nella residenza privata di Bush alla Casa Bianca: non come capo di stato – ha precisato un portavoce – ma come guida religiosa.

Il Dalai Lama, premio Nobel per la pace nell’89, ha commentato così il suo incontro con Bush: “Ci conosciamo entrambi da tempo e tra noi è nata un’amicizia molto stretta. E’ stata come una riunione di famiglia, qualcosa del genere. Ha espresso preoccupazione per la situazione del Tibet, mi ha chiesto cosa ne pensassi e io gli ho esposto il mio punto di vista”.

La visita ha fatto infuriare Pechino, che accusa il Dalai Lama di voler mettere a repentaglio l’integrità territoriale della Cina sostenendo la causa dell’indipendenza del Tibet. Il delegato del governo cinese per il Tibet, Zhang Qingli, ha accusato gli Stati Uniti di voler interferire negli affari interni della Cina, in violazione delle norme internazionali. “Siamo fortemente contrari – ha detto – e obiettiamo risolutamente”.

L’irritazione di Pechino è moltiplicata dal fatto che il leader tibetano riceverà in serata la medaglia d’oro del Congresso americano, un riconoscimento andato in passato a figure come George Washington, Madre Teresa e Nelson Mandela.