ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Baghdad chiede ad Ankara di non lanciare un' offensiva contro il Pkk nel nord dell'Iraq

Lettura in corso:

Baghdad chiede ad Ankara di non lanciare un' offensiva contro il Pkk nel nord dell'Iraq

Dimensioni di testo Aa Aa

La diplomazia irachena gioca le sue ultime carte: il vice presidente Tareq Al Hashemi ad Ankara tenta di dissuadere il governo turco dal lanciare un’offensiva militare contro i separatisti curdi nel nord dell’Iraq. “La Turchia è in una situazione difficile – ha detto conciliante al Hashemi – Comprendiamo la rabbia del popolo turco, e la preoccupazione del governo turco di fronte alle attività terroristiche oltre confine”.

Secondo Ankara, 3500 separatisti del PKK si nascondono nelle montagne irachene, a ridosso del confine. Il premier Erdogan ha chiesto al parlamento di approvare un’offensiva in territorio iracheno. “Spero che questa mozione non sia mai applicata – ha assicurato tuttavia – La sua approvazione non implica incursioni militari immediate”.

Viste le violenze degli ultimi mesi, per Erdogan si tratta di autodifesa. Per Baghdad e Washington invece si rischia di aprire un nuovo fronte di guerra in Iraq. Domani il parlamento voterà, ma i soldati pattugliano già la zona.