ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Partito Democratico aspetta il suo leader

Lettura in corso:

Il Partito Democratico aspetta il suo leader

Dimensioni di testo Aa Aa

Sinistra al voto per le primarie del Partito Democratico italiano. Dalle 7 alle 20, seggi aperti per decidere chi guiderà il nuovo soggetto politico. L’incognita più grande: l’affluenza. Scontato sembra invece l’esito. Dei cinque candidati, Walter Veltroni, 52 anni, uomo di punta dei Democratici di Sinistra e attuale sindaco di Roma, è lanciato verso il trionfo.

L’avversario più accreditato, Rosy Bindi, ministro della Famiglia ed esponente della Margherita, conta sull’appoggio dei fedelissimi di Prodi, inclusa la moglie del premier. Mario Adinolfi e Pier Giorgio Gawronski sembrano fuori dai giochi. L’outsider Enrico Letta, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ha insistito sul fatto che il Partito Democratico non si deve porre in contrasto con il governo.

I candidati del nuovo partito, che nasce dalle ceneri di Ds e Margherita, hanno promesso di non volere dare fastidio a Prodi. Già messo a dura prova da una coalizione fatta di partiti eterogenei, che in non poche occasioni hanno rischiato di farlo cadere. Così come lo vuole fare cadere la destra, che è scesa in piazza a Roma per mandare a casa il governo. In un corteo nella capitale, sotto i tricolori e le bandiere di Alleanza Nazionale, i simpatizzanti hanno chiesto a gran voce le dimissioni del premier.