ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Onu "deplora" il comportamento del Myanmar e chiede la liberazione dei prigionieri politici

Lettura in corso:

L'Onu "deplora" il comportamento del Myanmar e chiede la liberazione dei prigionieri politici

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Onu bacchetta il Myanmar per le recenti repressioni. Il Consiglio di sicurezza ha adottato una dichiarazione in questo senso ottenendo anche il voto favorevole della Cina, il più stretto alleatodell’ex Birmania.

“Il Consiglio di sicurezza deplora fermamente l’uso della violenza contro le manifestazioni pacifiche in Myanmar”, ha detto il presidente di turno.

Meno forte di una risoluzione, la dichiarazione dell’organo esecutivo delle Nazioni Unite invita le autorità a rilasciare tutti i prigionieri politici e a iniziare un dialogo con la leader dell’opposizione Aung San Suu Kyi.

L’ambasciatore degli Stati Uniti Zalmay Khalilzad rincara: “Il mio messaggio al governo birmano è: fate ciò che la dichiarazione richiede altrimenti fra due settimane torneremo sull’argomento”.

Più accomodante invece il rappresentante di Pechino, Liu Zhenmin: “Spetta al governo del Myanmar e al suo popolo risolvere la questione. Auguriamo buona fortuna al popolo del Myanmar”.

Dalla frontiera intanto continuano a filtrare nuovi video girati di nascosto durante le manifestazioni di settembre.

La giunta militare del Myanmar ha ammesso che 10 persone sono state uccise ma secondo alcuni dissidenti i morti potrebbero essere centinaia, poi cremati o sepolti in fosse comuni.