ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Berna. Scontri fra estremisti di sinistra e polizia. I giovani volevano impedire un corteo dell'SVP

Lettura in corso:

Berna. Scontri fra estremisti di sinistra e polizia. I giovani volevano impedire un corteo dell'SVP

Dimensioni di testo Aa Aa

A Berna, una manifestazione contro l’estrema destra populista è degenerata in scontri con la polizia. Gli incidenti sono cominciati quando un centinaio di militanti di estrema sinistra ha bloccato l’accesso al centro storico al corteo del Partito del popolo svizzero. Gli agenti hanno caricato tirando lacrimogeni e i giovani hanno risposto con lanci di bottiglie e altri oggetti. Alla fine si sono registrati una quindicina di feriti.

Le forze dell’ordine sono state accusate di non aver saputo gestire la situazione, di averla sottovalutata. Critiche respinte da un portavoce della polizia, secondo il quale era impossibile riportare la calma in poco tempo. Il sindaco della capitale elvetica Alexander Tschäppät ha condannato con fermezza le violenze, affermando che tutti devono avere il diritto di manifestare il proprio pensiero.

La Svizzera va alle urne il 21 ottobre. Elezioni che il partito del Lepen elvetico Chrstoph Blocher è praticamente certo di vincere.

La provocatoria campagna elettorale dell’SVP, simboleggiata dalla pecora bianca che caccia a calci la pecora nera, sottinteso immigrata, ha suscitato vivaci polemiche nella confederazione. Blocher è stato paragonato a Mussolini. E perfino l’ONU ha chiesto il ritiro del manifesto.

Le sinistre si sono appropriate del logo della pecora nera. Ieri almeno 2 mila anti-Blocher si sono riuniti, pacificamente, in una piazza di Berna per dire no all’intolleranza.