ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Paesi baschi spagnoli. Manifestazioni di piazza contro l'arresto dei leader di Batasuna

Lettura in corso:

Paesi baschi spagnoli. Manifestazioni di piazza contro l'arresto dei leader di Batasuna

Dimensioni di testo Aa Aa

Circa mille persone hanno manifestato a Bilbao contro l’arresto di 23 dirigenti di Batasuna, il partito ritenuto il braccio politico dell’ETA, dichiarato illegale 5 anni fa. Cortei con centinaia di persone si sono svolti anche in altre città dei Paesi baschi spagnoli, come Vitoria e San Sebastian.

L’indipendentismo radicale definisce gli arresti una vendetta del governo e una mossa elettorale dei socialisti a sei mesi dal voto. Per la vice-premier Maria Teresa Fernandez de la Vega non c‘è nulla di politico: “Gli arresti devono essere iscritti nel funzionamento normale delle istituzioni democratiche, non dobbiamo cercare altri argomenti per spiegare i meccanismi normali della giustizia”. “Mi sembra un’ottima cosa – ha commentato il presidente dell’opposizione popolare Mariano Rajoy – ci sono i presupposti per l’inizio di una rettifica della politica anti-terrorismo del governo “.

Fra i fermati c‘è anche Joseba Permach, il principale portavoce di Batasuna, dopo l’arresto di Arnaldo Otegui l’8 giugno scorso. La polizia ha fermato la cupola di Batasuna giovedì scorso a Segura, durante un direttivo che avrebbe dovuto assicurare il passaggio dei poteri fra la vecchia e la nuova guardia.

L’operazione è stata ordinata dal giudice anti terrorismo Baltazar Garzon. Era stato lui a mettere fuori legge Batasuna, nel 2002. Le autorità spagnole hanno dato il via a un giro di vite nel giugno scorso, dopo il fallimento di un inizio di trattativa con i separatisti baschi e l’annuncio, da parte dell’ETA, di un ritorno alla lotta armata su tutti i fronti.