ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Myanmar, la polizia spara sulla folla e fa almeno nove morti

Lettura in corso:

Myanmar, la polizia spara sulla folla e fa almeno nove morti

Dimensioni di testo Aa Aa

Almeno nove morti a Yangon, ex capitale del Myanmar, dove esercito e polizia hanno nuovamente aperto il fuoco sulla folla che protestava contro la giunta militare.

Tra le vittime anche un cameraman di un’agenzia giornalistica giapponese, primo straniero a venire ucciso dall’inizio dell’ondata di contestazione. L’uomo, di 50 anni, è stato raggiunto da un proiettile mentre stava filmando i soldati che sparavano per disperdere un corteo, nei pressi della pagoda di Sule.

Sono morti allo stesso modo anche diversi manifestanti birmani, sotto i colpi della Settantasettesima divisione di fanteria leggera. Ucciso anche un monaco buddista, durante un’irruzione della polizia all’interno di un monastero.

Non è l’unica aggressione contro i religiosi. Fonti diplomatiche britanniche a Yangon sostengono che diversi monaci siano stati duramente picchiati dentro e fuori i monasteri. Numerosi i feriti anche tra la popolazione civile che, sfidando i proiettili, ha urlato slogan contro la giunta militare.