ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Riforma dell'energia, la Commissione UE replica alle critiche

Lettura in corso:

Riforma dell'energia, la Commissione UE replica alle critiche

Dimensioni di testo Aa Aa

Il tema dell’energia rimane al centro dell’attenzione dell’Unione europea. La Commissione difende il suo progetto di riforma, presentato mercoledi’, che prevede la liberalizzazione del settore per aumentare la concorrenza, accrescere la disponibilità di forniture e spingere i prezzi al ribasso.

In base alla nuova normativa, dovrebbe essere separata la proprietà della produzione di energia da quella della distribuzione. I grandi gruppi che controllano entrambe dovrebbero quindi cedere la gestione delle loro reti di distribuzione, come linee elettriche e gasdotti.

La riforma ha suscitato le critiche di Germania e Francia, intenzionate a difendere gli interessi dei rispettivi gruppi E-On e Gaz de France. La distribuzione rimane un aspetto chiave della questione energetica, come sottolinea l’economista Jeremy Rifkin: “Se si vuole ottenere l’autonomia e la sicurezza energetica, tener conto dei problemi ecologici e creare un programma di sviluppo economicamente sostenibile che traini l’Europa, allora serve una terza rivoluzione industriale. La chiave per l’Europa è pensare a controllare la distribuzione dell’energia.” Dominare questo settore è ancora piu’ importante dal momento che l’Europa dipende dall’estero per buona parte delle forniture. Il 30% del gas necessario arriva dalla Russia.