ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cina, nominato nuovo vescovo della Chiesa ufficiale e per la prima volta Roma commenta positivamente

Lettura in corso:

Cina, nominato nuovo vescovo della Chiesa ufficiale e per la prima volta Roma commenta positivamente

Dimensioni di testo Aa Aa

Piccoli passi verso la riconciliazione tra il Vaticano e le autorità cinesi. Per la prima volta la nomina di un vescovo della Chiesa cattolica ufficiale – che riconosce l’autorità del governo di Pechino e non quella della Santa Sede – ha incontrato un sostanziale gradimento da parte delle gerarchie ecclesiastiche romane.

L’apertura deriva dai contatti che sono in corso a livello diplomatico, spiega Su Xiang En, sacerdote cattolico della chiesa ufficiale. “Noi non abbiamo relazioni dirette col Vaticano, perché sarebbe contro la legge cinese”.

La nomina di padre Li Shan, 42 anni, alla testa della diocesi ufficiale di Pechino, è stata giudicata favorevolmente dall’Osservatore Romano, dopo che a luglio il segretario di stato vaticano, monsignor Bertone, aveva speso per lui parole di incoraggiamento. Oltre alla chiesa ufficiale in Cina esiste un culto cattolico clandestino, al quale aderiscono circa 10 milioni di fedeli.