ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'assassinio di Ghanem aumenta la tensione prima della processo per l'elezione del nuovo Presidente

Lettura in corso:

L'assassinio di Ghanem aumenta la tensione prima della processo per l'elezione del nuovo Presidente

Dimensioni di testo Aa Aa

Un consiglio dei ministri che comincia con un minuto di silenzio. E’ la quarta volta in Libano in due anni e mezzo. Antoine Ghanem, esponente della maggioranza antisiriana, è il quarto deputato assassinato dopo l’omicidio del Premier Rafic Hariri, nel 2005.

In un clima di tensione e paura, il governo guidato dal Premier Fuad Siniora ha decretato per domani una giornata di lutto nazionale in occasione dei funerali del Ghanem, del partito falangista. Oggi il blocco di tutte le attività commerciali nel centro della capitale Beirut è stato spontaneo.

Mancano cinque giorni all’avvio del dibattito in Parlamento per eleggere il nuovo Presidente. Quest’ultimo attentato ha reso ancora più fragile la maggioranza: 68 deputati su 128.

L’attentato di ieri ha ucciso altre 4 persone, oltre a Ghanem. La maggioranza antisiriana lo percepisce come una sconfitta per l’intero Paese, un’ulteriore ferita al processo di riconciliazione fra maggioranza e opposizione che renderà ancora più difficile un accordo sul nome del prossimo Capo dello Stato.