ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sarkozy dà il via a una raffica di riforme sul lavoro

Lettura in corso:

Sarkozy dà il via a una raffica di riforme sul lavoro

Dimensioni di testo Aa Aa

Revisione dei sistemi di previdenza speciali e delle regole su prepensionamenti, 35 ore, licenziamenti e trattamento dei disoccupati: il presidente francese Nicolas Sarkozy ha dato il via a una serie di riforme mettendo i sindacati sul piede di guerra. “Bisogna fare qualcosa, semplificare certi aspetti della regolamentazione sull’orario di lavoro, che è una delle più complesse al mondo”, ha detto Sarkozy.

“C‘è bisogno di una riforma dei rapporti di lavoro. Tutti lo sanno e nessuno lo dice. Non possiamo più resistere su questa linea Maginot giuridica”, ha aggiunto il presidente della repubblica. Per cominciare, il capo dello Stato ha dato due settimane di tempo per avviare negoziati sulla riforma dei regimi pensionistici speciali.

Pronta la risposta del sindacato centrista Cfdt:
“Il calendario che ci è stato proposto è impossibile da rispettare – dice il segretario François Chérèque -. Non si possono fare cinque riforme sociali fondamentali per la Francia allo stesso tempo”.

La Cgt, di sinistra, la principale organizzazione sindacale del Paese, paventa già un’ondata di scioperi. Così il segretario Bernard Thibault: “Penso che un buon numero di lavoratori mano a mano che saranno informati manifesteranno per cambiare questa situazione”.

I lavoratori di settori come trasporti, energia e miniere, che dipendono dai regimi speciali, possono andare in pensione prima degli altri. Molti però non fanno lavori usuranti secondo Sarkozy.