ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Filippine: ergastolo all'ex presidente Estrada

Lettura in corso:

Filippine: ergastolo all'ex presidente Estrada

Dimensioni di testo Aa Aa

L’ex presidente filippino Josef Estrada è stato condannato all’ergastolo per corruzione. Già stella del cinema locale, riconvertitosi al populismo politico, Estrada è rimasto alla guida del paese per 30 mesi. Nel 2001 è stato destituito da una rivolta popolare appoggiata dall’esercito.

Ascoltata la sentenza, oggi Estrada ha detto che presenterà appello alla Corte suprema contro quello che ha definito un processo politico: “Non mi hanno dato la possibilità di difendermi da solo quando hanno tentato l’impeachement, che fallì. Allora, mi sono detto: è il momento di farlo. Così potrò esprimermi nell’unico foro che riconosco e dire al popolo che sono innocente”.

Estrada è accusato di aver rubato allo stato l’equivalente di quasi 62 milioni di euro. Ma una parte della popolazione continua ad adorarlo, soprattutto per i suoi trascorsi sugli schermi, dove impersonava sempre l’eroe dal grande cuore, e a Manila si temono disordini.

Per il momento la corte gli ha concesso gli arresti domiciliari nella sua villa, in attesa del processo d’appello. Ma se lo perdesse dovrebbe finire in carcere.

Ai tempi d’oro Estrada era famoso per i cosiddetti “consigli di gabinetto di mezzanotte”, in cui prendeva le decisioni fra una partita a poker e un bicchiere di wisky. Grande dongiovanni, lui stesso dice di non sapere quanti figli abbia in giro per le Filippine.