ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

A Bruxelles prove per riformareil budget

Lettura in corso:

A Bruxelles prove per riformareil budget

Dimensioni di testo Aa Aa

La Commisione europea ha aperto il dibattito sulla riforma del bilancio dell’Unione. Dibattito che si annuncia ancora una volta lungo e controverso. Al centro delle discussioni la Politica agricola comune, che rappresenta la fetta più imponente del budget, e lo sconto sulle contribuzioni di cui gode la Gran Bretagna. Come ha sottolineato il presidente della Commissione José Manuel Barroso: “Il dibattito si incentrerà su questi due punti, l’ho già detto, senza timore. Ma non ho ancora avuto modo di parlarne con il premier britannico Gordon Brown”.

L’ex premier Tony Blair, nel 2005, durante le discussioni per il bilancio 2007-2013, aveva acconsentito a ridurre lo sconto britannico, ottenendo in cambio da Bruxelles l’impegno a ripensare il budget, Pac compresa, entro il 2009. Oltremanica si chiede di cancellare la Pac, richiesta che va di traverso ai vicini francesi, primi beneficiari della Politica agricola comune.

Il neo presidente Sarkozy ha comunque preso le distanze dalle posizioni tradizionali e estremamente difensive della Francia sui propri interessi agricoli. Preciserà le sue intenzioni il 20 novembre in occasione dell’apertura ufficiale del dibattito. L’eurocommissaria al Bilancio Dalia Grybauskaité lancia un appello ai 27: “Vorremmo vedere i leader europei seriamente impegnati sulla riforma del bilancio, Pac inclusa. Se la riforma sarà una priorità della presidenza francese, siamo convinti che riusciremo a modernizzare la politica agricola europea”.

La Francia assumerà la presidenza di turno nel secondo semestre del 2008. Il 40% del bilancio europeo è consacrato all’agricoltura, diversi stati membri, guidati dalla Gran Bretagna, chiedono di ridurre questa percentuale.