ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La lirica perde la voce: é morto Pavarotti

Lettura in corso:

La lirica perde la voce: é morto Pavarotti

Dimensioni di testo Aa Aa

“Nella vita ho avuto tutto, davvero tutto. Se mi venisse tolto tutto , con Dio siamo pari e patta”. Il cancro gli aveva già invaso la carne e incrinato la voce quando approfittó di un intervista per dettare il suo epitaffio.

Sapeva, Luciano Pavarotti, che il conto alla rovescia era cominciato. L’ultimo rintocco è risuonato la scorsa notte nella sua casa di Modena. Il re dei tenori ha perso la sua battaglia. A 71 anni è giunto al passo estremo, come cantato migliaia di volte nel Mefistofele.

“É stato uno dei migliori tenori che abbiamo avuto. Ci manca, ci mancherà a tutti a Modena, tutti abbiamo questa impressione”. “Mi sembra che sia stato un uomo corretto che ha donato dei fondi in beneficenza, un uomo di un certo tipo”. “Sono sorpreso, davvero non me lo aspettavo. Anche in Germania, ovviamente, la fama di Pavarotti era immensa”.

La camera ardente è stata allestita nella cattedrale di Modena dove sabato si terranno i funerali. Penso – disse prima di ammalarsi – che una vita nella musica sia una vita ben spesa. Le ho dedicato tutta la mia vita”.