ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Marocco alle urne venerdì, favoriti gli islamici moderati

Lettura in corso:

Marocco alle urne venerdì, favoriti gli islamici moderati

Marocco alle urne venerdì, favoriti gli islamici moderati
Dimensioni di testo Aa Aa

Il Marocco si prepara alle elezioni politiche questo venerdì con l’incognita della partecipazione alle urne. I Marocchini sono chiamati a scegliere i nuovi 325 membri della Camera, 30 i seggi riservati alle donne. Ma l’affluenza al voto negli ultimi due scrutini è scesa costantemente.

Molti poi, nel paese nord africano, i partiti e i movimenti che hanno deciso di boicottare lo scrutinio. I favoriti per ora sono gli islamici moderati del partito Giustizia e sviluppo. Attualmente all’opposizione, godono del sostegno di una parte dell’elettorato stanca di vedere da 50 anni sempre gli stessi partiti al potere. “La classe politica – dice il leader Abdehlilah Benkiran – ha usato finora il potere per trarne vantaggio personalmente, per ottenere ricchezza e favori per i parenti”.

Chiunque vinca, il sistema proporzionale non gli permetterà di avere una maggioranza assoluta: sarà necessario stringere alleanze. La coalizione uscente, formata dai socialisti di Mohamed El Yazghi e dai nazionalisti è comunque ottimista: si dice forte di un bilancio positivo in campo economico e sociale.

Durante il loro governo non hanno comunque mai tentato di intaccare il ruolo del re, vero detentore del potere politico, militare e religioso. E’ lui a scegliere anche il premier. Mohamed VI, al trono dal 1999, ha avviato alcune graduali riforme sociali, ma è accusato di limitare la libertà di stampa nel paese.