ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Bassora agli iracheni: l'esercito britannico lascia la città

Lettura in corso:

Bassora agli iracheni: l'esercito britannico lascia la città

Dimensioni di testo Aa Aa

Cambio della guardia a Bassora. Sul pennone dell’ex Palazzo della presidenza di Saddam Hussein, trasformato in quartier generale britannico, sventola la bandiera irachena. Gli ultimi 500 militari britannici hanno lasciato la base per raggiungere gli altri 5 mila effettivi già dislocati nell’aeroporto, a 20 chilometri dal centro abitato.

“Questo è il momento in cui chiediamo alle forze militari irachene di iniziare ad assumersi le proprie responsabilità per la sicurezza del loro paese – ha affermato il portavoce dell’esercito di Sua Maestà – Credo che sia la cosa giusta da fare perchè, piú resteremo qui, meno saranno stimolati a fare da soli”.

Per i fedeli dell’imam radicale sciita Moqtada al Sadr la fuga dei soldati britannici testimonia la loro sconfitta. Per il premier britannico Gordon Brown il ritiro era programmato e comunque non di fuga si tratta. “Non abbiamo bisogno dell’assistenza di nessuno – fa notare un giornalista iracheno – lasciateci vivere questa nuova era, siamo iracheni e questa è la nostra terra, non dei britannici o degli americani”.

L’esercito britannico controllava Bassora dall’invasione dell’Iraq nel 2003. I 5 mila militari ancora presenti nel paese continueranno a garantire la formazione delle forze di sicurezza locali.