ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Belgio, In bicicletta per l'orgoglio delle Fiandre

Lettura in corso:

Belgio, In bicicletta per l'orgoglio delle Fiandre

Dimensioni di testo Aa Aa

Alla periferia est di Bruxelles migliaia di fiamminghi si sono ritrovati per la tradizionale manifestazione cicloturistica del Gordel, in olandese cintura. Cioè quella fascia urbana a ridosso della capitale belga diventata terreno di scontro politico tra i partiti fiamminghi e quelli Valloni, che da tre mesi non riescono a trovare un accordo per la formazione del nuovo governo.

È innanzitutto questione di lingua: a Bruxelles vige ufficialmente il bilinguismo ma il francese è parlato dall’80% degli abitanti. Mentre alla periferia est la lingua ufficiale è l’olandese, ma sempre più francofoni vi vanno ad abitare dopo aver ottenuto la possibilità di rivolgersi alle autorità in francese.

Didier Reinders leader del principale partito francofono potrebbe ottenere l’incarico di formare il nuovo esecutivo. “Non siamo contrari a un nuovo progetto a livello federale. Essendo la prima formazione politica francofona non dobbiamo avere paura del dialogo”, dice Reinders.

In Belgio si dialoga ormai senza sosta dallo scorso 10 giugno data delle elezioni legislative.

Yves Leterme, che aveva ottenuto l’incarico dal Re di formare il nuovo governo, ha dovuto gettare la spugna dopo aver constatato di non poter conciliare i punti di vista di fiamminghi e francofoni.

I primi vogliono più potere per le regioni, i secondi non vogliono cominciare un processo che potrebbe condurre alla separazione delle due entità.