ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Espiazione" inaugura il 75esimo anniversario della Mostra

Lettura in corso:

"Espiazione" inaugura il 75esimo anniversario della Mostra

Dimensioni di testo Aa Aa

È una Mostra per metà a stelle e strisce quella del 75esimo anniversario dalla fondazione. Anche se ad inaugurarla è un film britannico, l’attesissimo “Espiazione” di John Wright tratto da un romanzo di Ian McEwan.

Espiazione è la storia, che comincia nel 1935, di una tredicenne che vuole diventare scrittrice. La sua immaginazione la porta a interpretare male una serie di avvenimenti, a distruggere una storia d’amore e a indicare un innocente come il colpevole di una violenza.

Il direttore della Mostra Marco Müller è convinto di aver portato a Venezia il meglio dei film in circolazione: “Non scegliamo un film perché questa o quella star lo interpreta, ma solo perché è un bel film. Ne abbiamo scelto 60 e c‘è stato un chiaro sistema di priorità. Alcuni film erano più belli e più forti di altri”.

Anche l’Iraq sarà presente in forze, non con propri film ma con due lungometraggi statunitensi sulla guerra nel paese del golfo Persico. Paul Haggis presenta “In the Valley of Elah”, dove un padre, interpretato da Tommy Lee Curtis, parte alla ricerca del figlio tornato dall’Iraq e scomparso misteriosamente.

Altra visione dell’Iraq è quella di Brian De Palma che in “Redacted” racconta le azioni di un’unità militare a un checkpoint statunitense, viste dai media e dalla popolazione locale. Ang Lee torna sul Lido due anni dopo aver vinto il Leone d’oro per “i segreti di Broke Back Mountain”.

Il suo “Lust, Caution”, che può essere tradotto con “Attenzione, Lussuria”, ha già suscitato polemiche. Il film narra le vicende di una giovane donna che si trova coinvolta in un pericoloso gioco di intrighi ed emozioni con una potente figura politica di spicco nella Shanghai degli anni quaranta.