ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

In Khazaghistan stop all'Eni

Lettura in corso:

In Khazaghistan stop all'Eni

Dimensioni di testo Aa Aa

Tre mesi di sospensione dei lavori: e’ la sanzione decisa dai ministeri kazaki dell’ambiente e dell’energia nei confronti dell’italiana Eni e dell’intero consorzio Agip Kso, titolare dello sfruttamento dei campi estrattivi di Kashagan, il gioiello energetico della repubblica centrasiatica. L’accusa e’ di pesanti violazioni alla normativa sul rispetto ambientale, che avrebbero provocato fra l’altro una massiccia moria fra le foche del Mar Caspio. Senza dimenticare che gli uffici fiscali di Astana accusano alcuni alti funzionari del consorzio per il mancaato pagamento dell’Iva per circa due miliondi di euro L’Eni, gestore del consorzio internazionale che include Total, ExxonMobile, Royal Dutch Shell, sdrammatizza. E l’8 ottobre e’ atteso nella capitale kazaka il presidente del Consiglio Romano Prodi, che dedichera’ alla vertenza gran parte della sua visita ufficiale di due giorni.