ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Afghanistan: appello in video dell'ostaggio tedesco

Lettura in corso:

Afghanistan: appello in video dell'ostaggio tedesco

Dimensioni di testo Aa Aa

Un appello lancinante agli amici, prima ancora che alle autorità politiche: è apparso su una televisione locale afghana, il video dell’ingegnere tedesco rapito in luglio dai Taleban. Il sequestro era avvenuto il 18 luglio nella provincia di Wardak, a sudovest di Kabul: era insieme a un altro tedesco, poi deceduto in seguito a una crisi cardiaca, forse finito con un colpo d’arma da fuoco.

E con loro c’erano anche cinque afghani. “I Taleban – dice Rudolf Blechmidt nel messaggio – vorrebbero trattare il nostro rilascio con il governo afghano, che però rifiuta il dialogo”. “Hanno quindi tentato di entrare in contatto con l’ambasciata tedesca”, aggiunge. “Ci troviamo in montagna, a tremila metri di quota, con i Taleban – spiega poi l’ostaggio -, ci sono anche i cinque ostaggi afghani, mi trovo in pessime condizioni.”

Visibili di fronte a lui ci sono i suoi medicinali: “le pillole per il mio problema cardiaco saranno finite fra tre giorni – dice ancora l’ostaggio -: vi prego, prego i miei amici, la mia famiglia, i miei figli, che facciano ancora più pressione per ottenere la mia liberazione”