ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Strage di Duisburg, da Prodi un appello ai giovani del Mezzogiorno

Lettura in corso:

Strage di Duisburg, da Prodi un appello ai giovani del Mezzogiorno

Dimensioni di testo Aa Aa

Si affaccia la pista di un carico d’armi nell’inchiesta sulla strage di Duisburg, in cui sono stati uccisi sei italiani. Marco Marmo, che secondo gli inquirenti era il primo obiettivo dei killer, era venuto in Germania per cercare armi da portare in Calabria. Sulla vicenda è intervenuto anche il presidente del Consiglio Romano Prodi. “Voglio lanciare un appello alle giovani generazioni del Mezzogiorno. Ci aiutino – ha detto – a fare veramente questo cambiamento storico contro la criminalità organizzata”. Nella Locride, i personaggi di spicco dei clan di San Luca hanno lasciato il territorio. Il vescovo di Locri, Giancarlo Maria Bregantini, ha lanciato un appello al perdono.

“E’ nel cuore della donna che nasce il perdono o la vendetta. L’uomo è un mero esecutore. La donna può, con la forza della fede e il sostegno di una comunità condivisa, trasformare questo dolore in coraggio”. La polizia tedesca ha diffuso un identikit dell’autista dell’auto a bordo della quale si sarebbero allontanati i presunti killer. In questo le testimonianze si sono rivelate preziose. Non altrettanto utili, invece, le immagini riprese dalle telecamere vicino al luogo della strage.