ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il vero test per la democrazia della Sierra Leone arriva adesso.

Lettura in corso:

Il vero test per la democrazia della Sierra Leone arriva adesso.

Dimensioni di testo Aa Aa

Anche se le elezioni politiche e presidenziali di ieri si sono svolte senza incidenti di rilievo, e con un’affluenza tale che gli elettori hanno dovuto attendere ore in coda, gli osservatori internazionali mettono in guardia: bisognerà vedere come gli stessi partiti politici accoglieranno i risultati.

La Sierra Leone è andata al voto per la prima volta senza la supervisione dei caschi blu dopo la fine della guerra civile. Ricchissimo di risorse, dai diamanti all’oro al petrolio, e pacificato da cinque anni, il paese africano resta però al penultimo posto nella classifica Onu dello sviluppo mondiale.

Una situazione che potrebbe penalizzare il candidato governativo alla presidenza, il vice capo di stato Solomon Berewa, che resta comunque uno dei favoriti fra i sette pretendenti alla successione di Ahmad Tejan Kabbah. L’avversario più temibile è il candidato del principale partito d’opposizione, Ernest Koroma. Se nessuno dei contendenti otterrà il 55 per cento delle preferenze, si andrà al ballottaggio.