ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Wall Street limita i danni dopo l'immissione di extra liquidi delle banche mondiali

Lettura in corso:

Wall Street limita i danni dopo l'immissione di extra liquidi delle banche mondiali

Dimensioni di testo Aa Aa

I mercati internazionali hanno ora un fine settimana per riprendere il fiato dopo lo scossone arrivato dagli Usa. La crisi dei mutui americani “subprime” ha fatto registrare un venerdì nero per le borse di tutto il mondo. Secondo Alec Young, dell’agenzia Standard & Poor’s “si assiste ora a una rivalutazione del rischio come risultato del crescente numero di mutui ipotecari insoluti negli Usa. Gli investitori di tutto il mondo” spiega “stanno riconsiderando il costo dei prestiti per chi è a rischio insolvenza”.

In Europa il timore è che la crisi finanziaria possa estendersi al resto del mercato ipotecario. La decisione della Federal Reserve e della Banca Centrale Europa di immettere grosse somme di denaro sul mercato punta a limitare i danni. Cristiana Casalinho, economista capo della Banca portoghese Bpi. “La Banca Centrale Europe, nell’ultimo rapporto di valutazione sulle condizioni di prestito, aveva avvertito su un possibile aumento dei tassi. La situazione potrebbe aggravarsi più rapidamente del previsto”.

Il terremoto scatenato dalla crisi dei mutui americani “subprime”, concessi alle categorie meno abbienti e dunque ad elevato indice di rischio per gli istituti eroganti, ha causato scivoloni da record. Di qua dall’Atlantico, per ora, gli esperti assicurano che la crescita economica non è a repentaglio.