ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sierra Leone, prime elezioni senza i caschi blu dell'Onu

Lettura in corso:

Sierra Leone, prime elezioni senza i caschi blu dell'Onu

Dimensioni di testo Aa Aa

Importante appuntamento elettorale per la popolazione della Sierra Leone, chiamata a votare per eleggere il nuovo presidente e il parlamento. E’ la prima volta che si tengono le elezioni da quando i caschi blu hanno lasciato il paese, poco meno di due anni fa. Solomon Berewa, del partito del Popolo della Sierra Leone, vicepresidente dal 2002, è uno dei favoriti tra i sette candidati alla successione dell’attuale presidente Ahmad Tejah Kabbah. Il secondo candidato favorito è Ernest Koroma, che guida il Congresso di tutto il Popolo, principale partito dell’opposizione.

Fuori dai seggi si sono formate delle lunghe code sin dalle prime ore della mattinata e le operazioni di voto, a cui erano chiamati oltre due milioni e mezzo di cittadini, si sono svolte alla presenza di osservatori internazionali. Non sono stati segnalati disordini o incidenti. La sierra Leone è un paese ricco di materie prime, soprattutto diamanti e metalli preziosi, come l’oro, tuttavia risente ancora pesantemente della lunga guerra civile. In piu’ di 10 anni, dal ’91 al 2002, morirono tra le centomila e le duecentomila persone, mentre i profughi costretti a lasciare il paese furono oltre due milioni, un terzo della popolazione dell’epoca.