ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sempre più isolato Musharraf va verso le elezioni

Lettura in corso:

Sempre più isolato Musharraf va verso le elezioni

Dimensioni di testo Aa Aa

Fino alla fine Washington ha sperato che Musharraf partecipasse a Kabul alla Jirga per la pace. Nel settembre scorso il presidente pakistano aveva dato la sua parola, in un incontro alla Casa Bianca, con il presidente americano Bush e quello afghano Kharzai. La sua assenza getta ulteriori ombre su metodi e mezzi che Islamabad impiegherebbe per combattere il terrorismo. Da tempo, l’intelligence americana agita il sospetto che nelle montagne pakistane della regione confinante con l’Afghanistan, Al Qaida lavori a rafforzare le retroguardie. Ma le accuse americane di lassismo contro il terrorismo, vanno di pari a passo con le pacche sulle spalle al generale. Che resta un alleato chiave per gli Usa nella regione.
Soprattutto in vista dei prossimi appuntamenti elettorali in Pakistan.

La popolarità interna di Musharraf è crollata dopo l’attacco alla moschea rossa di Islamabad il mese scorso e all’escalation di attentati che ne è seguita. Il reintegro in ruolo del presidente della Corte Suprema Chaudry, allontanato a marzo proprio da Musharraf, ha giocato a sfavore di quest’ultimo. E testimonia di una giustizia libera e indipendente in Pakistan, e del ruolo sempre più forte che riveste, grazie anche al sostegno di avvocati e di gran parte della società civile. Che reclama un Pakistan democratico e chiede di ritrovare il consenso politico attraverso libere elezioni.

Musharraf sembra non godere più nemmeno del consenso afghano. Anche il presidente Karzai lo accusa di non fare abbastanza per combattere il terrorismo.

Se il generale riesce a mantenere il potere fino alla fine del mandato che scade in ottobre, la sua conferma è tutt’altro che scontata. Musharraf sembra estremamente debole e isolato.

L’alleato d’oltreatlantico potrebbe sempre dargli una mano.

Washington sostiene Islamabad con 700 milioni di dollari all’anno, in gran parte aiuti militari.
Il grande timore statunitense è che la caduta di Musharraf, che finora ha comunque ben servito gli americani, possa verificarsi in un pericoloso contesto di rivolta antiamericana.