ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sugli ostaggi in Afghanistan accordi diretti tra la Corea del Sud e i taleban

Lettura in corso:

Sugli ostaggi in Afghanistan accordi diretti tra la Corea del Sud e i taleban

Dimensioni di testo Aa Aa

Si attende un incontro diretto tra i taleban e una delegazione diplomatica della Corea del Sud per negoziare il rilascio dei 21 ostaggi ancora in vita. Dal giorno del rapimento, avvenuto il 19 luglio scorso, i guerriglieri afghani hanno già ucciso due membri del gruppo asiatico. Il governatore della provincia di Ghasni ha confermato i preparativi: “I nostri amici parleranno con un rappresentante dei taleban per organizzare le modalità di quest’incontro fra le due parti”.

Kabul, pur lasciando spazio ai tentativi diplomatici fra il Paese asiatico e gli insorti, accresce la pressione militare nella provincia. Volantini per avvisare di un’imminente operazione sono stati distribuiti alla popolazione per invitarla a mettersi al riparo.

Stando a un portavoce dei taleban i contatti con le autorità afghane sono falliti perché gli Stati Uniti si sono opposti a un rilascio prigionieri in cambio della liberazione degli ostaggi. Il consenso degli americani sono invece intenzionati ad ottenerlo otto deputati della Corea del Sud che hanno annunciato la loro prossima partenza per Washington.