ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Canada e Stati Uniti in fermento dopo che la Russia ha piantato la sua bandiera al Polo Nord

Lettura in corso:

Canada e Stati Uniti in fermento dopo che la Russia ha piantato la sua bandiera al Polo Nord

Dimensioni di testo Aa Aa

Assume sempre di più i toni di una contesa internazionale il tuffo a 4.000 metri di profondità fatto ieri dai russi al Polo Nord. Nell’ambito di un’esplorazione presentata essenzialmente come scientifica, il batiscafo Mir 1 ha piantato sul fondale una bandiera in titanio con i colori della Russia, suscitando l’ironia degli Stati Uniti e la reazione stizzita del Canada.

Il ministro canadese degli esteri Peter Mackay: “Non c‘è alcun dubbio sulla sovranità canadese nell’Artico. Lo abbiamo detto chiaramente ed è stabilito da molto tempo che quelle sono acque canadesi e quindi di proprietà canadese. Non si può andare in giro per il mondo a piantare bandiere come nel 14° o nel 15° secolo”.

Una convenzione dell’Onu permette alle nazioni di reclamare porzioni di fondi marini anche al di là delle 200 miglia della linea di sfruttamento esclusivo, cosa che Mosca ha fatto formalmente nel 2001. Ora la Russia vuole dimostrare, anche scientificamente, che la propria piattaforma continentale si estende fino al Polo Nord. L’obiettivo è chiaro: sfruttare il 25% delle riserve mondiali di petrolio che si troverebbe lì sotto.

Gli Stati Uniti fanno notare di non aver firmato quella convenzione.