ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Afghanistan: Fine dell'ultimatum. Ansia per gli ostaggi sudcoreani.

Lettura in corso:

Afghanistan: Fine dell'ultimatum. Ansia per gli ostaggi sudcoreani.

Dimensioni di testo Aa Aa

É scaduto l’ultimatum lanciato dal gruppo di taleban che dal 19 luglio scorso tiene prigionieri, in Afghanistan, 22 cittadini sudcoreani, tutti membri della Chiesa presbiteriana di Saem Mul. I sequestratori avevano chiesto la liberazione di 8 propri miliziani detenuti nelle carceri di Kabul entro le 9.30 di oggi, ora centrale europea. In caso contrario avrebbero iniziato le esecuzioni dei prigionieri.

Gli ostaggi sudcoreani sono stati rapiti 12 giorni fa nella provincia di Ghazni, 140 chilometri a sud di Kabul, mentre a bordo di un pullmino percorrevano la Kabul-Kandahar, una delle strade piú pericolose del paese. Mercoledí scorso i sequestratori hanno ucciso il leader del gruppo religioso sudcoreano, un pastore di 42 anni.

Le trattative avviate dal governo di Kabul, in accordo con quello sudcoreano, non hanno portato a una soluzione positiva. Il presidente afgano, Hamid Karzai, ha escluso la possibilità che vengano rilasciati prigionieri