ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Colombia, il governo accusa le Farc per la morte di 11 deputati

Lettura in corso:

Colombia, il governo accusa le Farc per la morte di 11 deputati

Dimensioni di testo Aa Aa

Il governo colombiano “é convinto” che gli undici deputati regionali morti il 18 giugno mentre erano ostaggi delle Forze armate rivoluzionarie della Colombia (FARC), siano stati uccisi durante uno scontro fra unità della stessa guerriglia. È stato lo stesso direttore dei servizi segreti colombiani Andres Penate a comunicarlo alla stampa: “Il risultato di questo scontro tra le due fazioni è stato l’ordine di uccidere i deputati. Colui che ha impartito quest’ordine è il capo del sessantesimo fronte delle FARC soprannominato “il grillo”. Oltre ai deputati nella battaglia sono morti anche diversi guerriglieri”.

Le Farc, invece, in un comunicato avevano sostenuto che la morte degli ostaggi era avvenuta durante uno scontro a fuoco fra i guerriglieri che li sorvegliavano ed “un gruppo militare non identificato”.

“Per noi adesso – dice la moglie di un deputato ucciso – è importante ottenere la restituzione dei corpi. Per poter dare ai nostri cari l’ultimo saluto”.

La restituzione dei corpi potrebbe anche aiutare a chiarire chi ha esploso i colpi mortali contro i deputati.