ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Rimandato l'ultimatum per 22 ostaggi sudcoreani in Afghanistan

Lettura in corso:

Rimandato l'ultimatum per 22 ostaggi sudcoreani in Afghanistan

Dimensioni di testo Aa Aa

I taleban hanno rimandato a oggi a mezzogiorno (quando in Europa saranno le 8:30 del mattino) l’ultimatum sugli ostaggi sud-coreani rapiti in Afghanistan. Secondo il governo di Seul le richieste per il rilascio dei 22 sono vaghe e contraddittorie. I guerriglieri avrebbero domandato allle autorità afghane di liberare otto prigionieri in cambio di altrettanti ostaggi e di dare la disponibilità per successivi negoziati. Il governatore della provincia di Ghazni ha minacciato una non meglio precisata azione: “Continueremo fino all’ultimo momento a lavorare per il rilascio degli ostaggi in modo pacifico, attraverso negoziati. Se tutte le modalità dovessero fallire prenderemo la decisione appropriata, la migliore”. I sudcoreani, appartenenti a un gruppo cristiano, sono stati rapiti in Afghanistan una settimana fa. Il pastore presbiteriano che li guidava è stato trovato ucciso mercoledì, segno che i taleban fanno sul serio nonostante abbiano rimandato per ben tre volte i loro ultimatum. Dopo la liberazione del giornalista italiano Daniele Mastrogiacomo il presidente afghano Amid Karzai aveva promesso che non ci sarebbero più stati scambi di prigionieri.