ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Scandali al Tour, i commenti nella patria di Rasmussen

Lettura in corso:

Scandali al Tour, i commenti nella patria di Rasmussen

Dimensioni di testo Aa Aa

La Danimarca è sbigottita di fronte all’allontanamento del suo campione. Per i giornali, l’ennesimo scandalo rappresenta la morte del Tour, ma i tifosi sono divisi: a molti la vicenda fa perdere interesse per il ciclismo, ma nella sua patria c‘è anche chi difende Rasmussen.

“E’ risultato negativo a tutti i 14 test antidoping – dice un abitante di Copenhagen – e l’hanno mandato via solo perché ora l’argomento è scottante. Non sono d’accordo.” “E’ stato terribile, – commenta un’anziana signora – un vero shock. Anche se si poteva sospettare che ci fosse sotto qualcosa.” “Beh, saro’ deluso – aggiunge un tifoso – se verra’ fuori che si è dopato, come pare. Pensavo che almeno lui fosse pulito, ma ora non lo so piu’. Probabilmente sono tutti dopati.”

Quello su cui si interroga oggi la Danimarca è solo l’ultimo degli scandali che hanno inquinato l’immagine del ciclismo, già logorata negli ultimi anni da una serie di episodi deplorevoli.