ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Dal Connecticut riconoscimento politico agli immigrati

Lettura in corso:

Dal Connecticut riconoscimento politico agli immigrati

Dimensioni di testo Aa Aa

New Haven, nel Connecticut, con i suoi 124mila abitanti è la prima città americana a rilasciare una carta d’identità agli immigrati illegali. Inevitabili le polemiche innescate dall’iniziativa. 250 persone si sono presentate in Comune per richiedere il prezioso documento che dà la possibilità agli immigrati di essere riconosciuti cittadini e quindi di avere pieni diritti, l’accesso libero alle biblioteche e ai parchi e soprattutto di poter aprire il primo conto in banca.

Marvin, dall’Honduras “ ho un documento in regola, qui a New Haven, dove vivo da 15 anni e penso sia meraviglioso. Qui ho la mia famiglia, la mia casa e tutto il mio mondo”.
Obiettivo politico contro l’immigrazione illegale è quello di puntare alla sicurezza e dare tutela ai lavoratori clandestini, che oscillano tra i 10 e 15mila unità.

Montano le proteste di chi è contrario… “tutto questo è negativo – inveisce Elice Marciano – incoraggia l’immigrazione clandestina e regolarizza cittadini che strappano il lavoro agli americani”. E sulla sua scia sono tanti i contestatori che ieri hanno manifestato in un’America in cui persino il Congresso ha abbandonato ad un punto morto il dibattito sulla riforma delle leggi sull’immigrazione. Ma la miccia si è accesa e sono numerose le città che s’interrogano sulle condizioni degli immigrati.