ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cauto ottimismo di Blair dopo l'incontro con Abbas a Peres

Lettura in corso:

Cauto ottimismo di Blair dopo l'incontro con Abbas a Peres

Dimensioni di testo Aa Aa

Una via per la pace è possibile. Tony Blair, inviato del Quartetto per il Medio Oriente, dedica all’ascolto la sua prima missione come rappresentante di Usa, Unione Europea, Russia e Nazioni Unite. L’ascolto delle diverse posizioni ed esigenze. A Ramallah, in Cisgiordania, il secondo giorno del viaggio di Blair l’ha portato ad incontrare il Premier Salam Fayad e il Presidente dell’Autorità Nazionale Palestinese Mahmud Abbas. Al quale la comunità internazionale ha rinnovato l’appoggio e la fiducia come interlocutore per la parte palestinese. E a Gerusalemme, l’ex Primo ministro britannico ha espresso le sue speranze al Presidente israeliano Shimon Peres:

“Sulla base delle conversazioni che abbiamo avuto, ho la sensazione che le possibilità ci siano e che si possano tradurre in qualcosa su cui si deve lavorare nel tempo”.

Al moderato ottimismo di Blair, Peres ha risposto sottolineando che il tempo stringe. Entro settembre andrà definito un calendario per rilanciare il processo di pace. Lo scopo ultimo resta lo stesso: la creazione di uno Stato palestinese che possa coesistere con Israele.