ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Libia: si tratta per il rimpatrio delle infermiere bulgare condannate all'ergastolo

Lettura in corso:

Libia: si tratta per il rimpatrio delle infermiere bulgare condannate all'ergastolo

Dimensioni di testo Aa Aa

Cecilia Sarkozy, moglie del neopresidente della repubblica francese, e Benita Ferrero-Waldner, commissario per le Relazioni esterne dell’Unione europea, hanno raggiunto la città di Tripoli. Le due donne starebbero tentando di ottenere la liberazione delle cinque infermiere bulgare e del medico palestinese condannati all’ergastolo con l’accusa di aver infettato volontariamente 438 bambini libici con il virus dell’Hiv.

Per il rimpatrio delle infermiere la Francia sarebbe disposta a modernizzare l’ospedale di Bengasi. Fanno inoltre ben sperare i contatti telefonici nella notte di domenica tra il presidente francese Sarkozy e quello della Commissione europea Barroso.