ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Donne ancora svantaggiate sul lavoro in Europa, soprattutto dopo la maternità

Lettura in corso:

Donne ancora svantaggiate sul lavoro in Europa, soprattutto dopo la maternità

Dimensioni di testo Aa Aa

Le donne in Europa guadagnano il 15 per cento meno degli uomini. È la situazione definita “assurda” dal commissario per l’Occupazione, gli affari sociali e le pari opportunità Vladimir Spidla. La Commissione ha pubblicato una relazione che indica in che modi l’Unione europea può colmare questo scarto. Una cifra media, che nasconde in realtà una situazione molto più complessa.

Le differenze in busta paga cambiano a seconda di diversi fattori: l’età, per esempio. Solo al 7 per cento fino a 30 anni, superano il 30 per cento dopo i 50. O il livello salariale, o ancora gli anni di servizio.

Ma a pesare più di tutto è la maternità. Lo scarto aumenta per le donne che decidono di avere dei figli. Perché molte si vedono costrette a rinunciare alla carriera, o a chiedere un part time. Una situazione che il commissario Spidla ha così commentato: “È inaccettabile che una donna, per essere rimasta otto mesi in maternità fra i 20 e i 35 anni d’età, debba subire gli effetti di quest’esperienza sullo stipendio 25 anni dopo, e perfino sulla pensione”.

La soluzione? Gli uomini. Cioè, dice Spidla, una maggiore collaborazione nei lavori di casa. Oggi, un uomo che lavora a tempo pieno dedica in media sette ore alla settimana alle faccende domestiche e alla cura dei bambini, contro le 24 ore settimanali di una donna nelle stesse condizioni.