ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Al Senato americano dibattito maratona sul ritiro dall'Iraq

Lettura in corso:

Al Senato americano dibattito maratona sul ritiro dall'Iraq

Dimensioni di testo Aa Aa

Brande e cuscini hanno fatto la loro comparsa al Senato americano dove i Democratici hanno deciso di continuare a dibattere tutta la notte pur di arrivare a un voto sul ritiro delle truppe dall’Iraq. La maggioranza anti-Bush sa di avere i voti necessari per riapprovare la legge che imporrebbe d’iniziare il rimpatrio entro 120 giorni.

Il capogruppo democratico Harry Reid ha accusato i repubblicani di fare ostruzionismo allo scopo di impedire il voto sull’emendamento che, a suo dire, metterebbe “responsabilmente un termine a questa guerra. Stanno proteggendo il Presidente invece che le nostre truppe”.

Il Repubblicano John McCain risponde: annunciare il ritiro sarebbe come invitare la guerriglia irachena a tenere duro. “Se il Congresso provocasse un ritiro precipitoso dall’Iraq sarebbe l’inizio di un nuovo, più pericoloso e più difficile sforzo per contenere le forze scatenate dal nostro disimpegno”, ha detto McCain.

Secondo i senatori fedeli a Bush quella dei Democratici è solo una messa in scena perché, pur avendo la maggioranza, sanno che non riusciranno a mettere insieme i 60 voti necessari a scongiurare un nuovo veto della Casa Bianca.

In Iraq, dove quasi ogni giorno gli attentati uccidono decine di iracheni, sono morti oltre 3.600 soldati americani.