ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nuovo round di colloqui sull'atomica nordcoreana

Lettura in corso:

Nuovo round di colloqui sull'atomica nordcoreana

Dimensioni di testo Aa Aa

Le delegazioni dei sei Paesi che partecipano al negoziato sul disarmo nucleare di Pyongyang si ritrovano a Pechino, dove da domani discuteranno delle prossime tappe. I segnali sono incoraggianti, visto che nei giorni scorsi la Corea del Nord ha chiuso un primo reattore, come confermato dall’agenzia dell’Onu per l’energia atomica, ma sul piano politico sono necessarie altre trattative per arrivare all’arresto definitivo di tutti gli impianti.

Resta ancora molto da fare, come sottolinea Christopher Hill, capo delle delegazione degli Stati Uniti, che partecipano ai colloqui assieme alle due Coree, alla Cina, alla Russia e al Giappone.
La Corea del Nord non rinuncerà al nucleare senza un indennizzo economico, come stabilito in base all’accordo del 13 febbraio. La settimana scorsa è cominciata la consegna di 50 tonnellate di combustibile promesse a Pyongyang.
Ma la chiusura del reattore di Yongbyon è avvenuta solo dopo che Washington ha sbloccato i circa 18 milioni di euro della Corea del Nord congelati in una banca di Macao in seguito all’embargo statunitense.
La Corea del Nord e’ diventata una potenza nucleare dichiarata quando ha effettuato un test atomico ufficiale nell’ottobre 2006.