ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Londra, irritazione dopo il "no" di Mosca a estradizione Lugovoi

Lettura in corso:

Londra, irritazione dopo il "no" di Mosca a estradizione Lugovoi

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ tensione tra Londra e Mosca dopo il rifiuto della Russia di estradare Andrei Lugovoi, uomo d’affari moscovita e primo sospettato nell’omicidio dell’ex agente del Kgb Aleksandr Litvinenko, morto lo scorso novembre a Londra.

La costituzione russa impedisce l’estradizione dei suoi cittadini, ma il capo della procura inglese Ken McDonald ha definito inaccettabile la decisione delle autorità russe, tuttavia disposte a processare Lugovoi in patria se saranno trasmesse le prove a suo carico. Una soluzione che non convince pero’ gli inglesi, che non credono in un procedimento imparziale. “Il procuratore che mi accusa dovrebbe piuttosto svolgere un’indagine accurata sui servizi segreti britannici, e trovare i documenti che provano che Litvinenko lavorava per loro”, si è difeso Lugovoi.

Dopo il “no” di Mosca la Gran Bretagna potrebbe replicare rivedendo alcuni suoi accordi commerciali con la Russia o espellere diplomatici che non siano di primo piano. Il 1 novembre 2006 Litvinenko fu avvelenato con del polonio radioattivo durante un incontro con Lugovoi nell’Hotel Millennium di Londra. Quest’ultimo lascio’ pero’ dietro di se’ tracce della sostanza letale che uccise Litvinineko nel giro di poche settimane.