ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia, affaire Clearstream: perquisito e convocato dal giudice l'ex premier Villepin

Lettura in corso:

Francia, affaire Clearstream: perquisito e convocato dal giudice l'ex premier Villepin

Dimensioni di testo Aa Aa

L’ex primo ministro francese Dominique de Villepin è stato convocato per il 27 luglio prossimo dai magistrati che indagano sull’affare Clearstream e che potrebbero incriminarlo per “complicità in denunce calunniose”. Gli inquirenti hanno disposto delle perquisizioni, nei giorni scorsi, presso il domicilio e gli uffici parigini di Villepin. Quest’ultimo, davanti ai magistrati, potrebbe avvalersi del diritto di non rispondere e rivendicare un giudizio del parlamento.

La vicenda coinvolge anche un generale dei servizi di informazione, Philippe Rondot, sul cui computer gli esperti hanno ricostruito le tracce lasciate dal cosiddetto dossier Clearstream. Il caso prende il nome da una banca d’affari che avrebbe erogato finanziamenti a funzionari e ad uomini politici, tra i quali l’allora ministro ed attuale capo dello stato Nicolas Sarkozy.

I loro nomi compaiono in alcune schede ritrovate anche nell’hard disk del generale Rondot, schede di cui in seguito è stata accertata la falsità, ma che lo stesso se diffuse sui media avrebbero potuto danneggiare i nemici politici dell’ex presidente francese Chirac. Davanti alle accuse tuttavia Villepin ha ribadito di aver sempre agito nel rispetto delle prerogative istituzionali, negando che i suoi atti possano avere rilievo penale.