ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Presentato il rapporto 2006 sulle frodi in Ue. L'Italia è in testa

Lettura in corso:

Presentato il rapporto 2006 sulle frodi in Ue. L'Italia è in testa

Dimensioni di testo Aa Aa

12 mila frodi e altre irregolarità notificate nel 2006 per più di 450 milioni di euro recuperati. È il risultato dell’attività dell’ufficio europeo anti-frode, l’Olaf, secondo il suo rapporto annuale. In testa alla classifica l’Italia, con 71 casi avviati, seguita da Belgio, 70 casi, e Germania, 68 nuovi casi.

Riguardo ai nuovi paesi membri, “La Bulgaria deve ancora fare ulteriori progressi rispetto ai rumeni – ha commentato il direttore generale di Olaf, Franz Hermann Brüner – ma siamo sicuri che se l’impegno c‘è, le cose possono cambiare”. Sofia ha registrato solo 27 nuovi casi nel 2006, contro 70 per Bucarest. Ma, sembra dire Brüner, nessun paese deve abbassare la guardia. Lo dimostra l’arresto, la settimana scorsa, di due bulgari a Sibenik, in Croazia, con l’accusa di aver cercato di commettere frodi informatiche.