ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Al via il processo a Delic per crimini di guerra

Lettura in corso:

Al via il processo a Delic per crimini di guerra

Dimensioni di testo Aa Aa

L’udienza è aperta. E’ iniziato oggi, all’Aja, il processo nei confronti del generale Rasim Delic, ex comandante dei volontari islamici di Bosnia. L’accusa: crimini di guerra. E’ il secondo musulmano che risponde ai giudici del Tribunale penale internazionale per l’ex Yugoslavia, dopo Sefer Halilovic.

Delic, si è consegnato al tribunale dell’Aja nel febbraio 2005, ma si dichiara non colpevole. Deve rispondere di quattro capi d’imputazione per i crimini commessi dalla sua unità combattente islamica “el moudjahid” contro serbi e croati durante il conflitto bosniaco fra il 1992 e il 1995. Un’unità, composta anche da veterani del conflitto in Afganistan, famosa per la sua brutalità.

Secondo l’accusa, il generale sapeva dei crimini, in particolare dell’esecuzione di ventiquattro croati nel villaggio di Maline, e della tortura di prigionieri serbi in un campo di detenzione. Ma non avrebbe fatto nulla per evitarli.