ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Banca d'Inghilterra aumenta il costo del denaro

Lettura in corso:

La Banca d'Inghilterra aumenta il costo del denaro

Dimensioni di testo Aa Aa

Obiettivo: raffreddare l’economia britannica un po’ troppo surriscaldata.
E’ lo scopo della stretta creditzia decisa dal comitato monetario della Bank of England presieduto da Mervyn King.
Risultato per i cittadini di sua maestà britannica il costo del denare sarà piu caro di un quarto di punto percentuale al 5,75%: è il livello piu’ alto tra i paesi dle G7 davanti agli Stati Uniti con il 5,25% e ai 13 paesi di Eurolandia con il 4%.

Una misura che ha subito dato un colpo di freno alla speculazione che aveva portato a livelli record la quotazione della sterlina nei confronti del dollaro.

A Francoforte, invece, il presidente della Banca Centrale Europea Jean-Claude Trichet ha scelto la via dello statu quo lasciando invariato il costo del denaro.

“ La Bce, dice Trichet continuerà ad agire in modo fermo e tempestivo per fare in modo che i rischi per la stabilità dei prezzi non si materializzino: restano infatti i rischi nel medio termine “

Un quardo tutto sommato improntata all’ottimismo quello descritto da Trichent secondo il quale l’attività economica per l’intero 2007 ad espandersi a un ritmo solido.
Cio che conta è il controllo delle spinte inflazionistiche: se il costo della vita salirà, è questo il ragionamento dei signori di Francoforte, allora la Bce sarà pronta ad intervenire con un aumento dei tassi. Ma per il momento non è il caso.