ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa, Bush grazia Libby e gli evita la galera. Polemiche per la decisione della Casa Bianca

Lettura in corso:

Usa, Bush grazia Libby e gli evita la galera. Polemiche per la decisione della Casa Bianca

Dimensioni di testo Aa Aa

Scatena polemiche negli Stati Uniti la decisione con cui il presidente George Bush ha graziato il funzionario della Casa Bianca Lewis Scooter Libby, che non andra in carcere sebbene condannato di recente a due anni e mezzo per ostruzione del corso della giustizia.

Libby, che è stato capo di gabinetto del vicepresidente Dick Cheney, è stato riconosciuto colpevole di aver svelato l’identità di una agente della Cia, Valerie Plame nel tentativo di impedire al marito di rivelare informazioni che avrebbero messo in discussione il teorema costruito sul presunto possesso di armi di distruzione di massa in mano a Saddam Hussein.

Nessun dubbio circa la legittimità costituzionale della grazia del presidente, come chiarisce il professor Paul Rothstein, della Georgetown University. “Né la Corte Suprema, né il Cogresso possono annullarla”, spiega.

Critiche all’operato di Bush arrivano anche da Hillary Clinton, in corsa per la candidatura democratica per le prossime elezioni presidenziali. “Stiamo assistendo a un enorme spregio della legge”, ha detto la Clinton parlando nello Iowa. “E’ una nuova prova di come questa amministrazione non si ferma davanti a niente per garantirsi i suoi obiettivi”.

Proteste per l’operato del presidente si sono ripetute anche oggi. A Washington centinaia di manifestanti si sono radunati davanti alla Casa Bianca chiedendo l’impeachment per Bush e Cheney.