ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Senza la Seconda Guerra Mondiale, la Polonia conterebbe come la Germania"

Lettura in corso:

"Senza la Seconda Guerra Mondiale, la Polonia conterebbe come la Germania"

"Senza la Seconda Guerra Mondiale, la Polonia conterebbe come la Germania"
Dimensioni di testo Aa Aa

La tragedia della seconda Guerra Mondiale sul tavolo delle trattative per il nuovo trattato dell’Unione europea. Autore dell’accostamento ardito il primo ministro polacco Jaroslaw Kaczynski. “Senza la guerra – ha affermato nei giorni scorsi in un’intervista – la Polonia oggi avrebbe 66 milioni di abitanti e conterebbe quanto la Germania”.

Una rivendicazione che a molti tedeschi è parsa irriguardosa. “Dobbiamo tirare una riga sul passato, altrimenti come potrà crescere l’Europa? In questo modo non puó funzionare. Non possiamo avere un’Europa a due velocità”.

Il primo ministro polacco, interpellato in merito alle dichiarazioni rilasciate, si è difeso dicendo di non ricordare di aver fatto simili affermazioni in pubblico. Sulla questione è intervenuto il primo ministro ungherese Ferenc Gyurcsany. Anche l’Ungheria ha pagato tributi enormi alla Seconda Guerra Mondiale ma il premier non si schiera con Varsavia.

“Dobbiamo evitare il rischio che l’accordo europeo sul trattato possa rappresentare una sorta di compensazione storica”. Non fa nulla per nascondere la delusione il presidente del Parlamento europeo, il tedesco Hans Gert Pottering. “Sono molto triste per le rivendicazioni che riguardano la storia europea avanzate da Varsavia. Triste, davvero triste”.