ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Hamas controlla Gaza. Abbas scioglie il governo e decreta lo stato d'emergenza

Lettura in corso:

Hamas controlla Gaza. Abbas scioglie il governo e decreta lo stato d'emergenza

Dimensioni di testo Aa Aa

L’ultimo bastione di Fatah è crollato e la striscia di Gaza è ormai sotto il controllo di Hamas. Il movimento integralista palestinese ha annunciato la conquista del palazzo presidenziale poche ore dopo che il presidente Mahmud Abbas aveva sciolto il governo di unità nazionale.

La sconfitta del suo partito era nell’aria. In giornata i combattenti di Hamas avevano già preso il controllo di basi delle forze della sicurezza a Rafah, Beit Lahya e Gaza. Mentre in Cisgiordania gli uomini di Fatah catturavano quattro militanti e uccidevano un capo militare di Hamas.

Il presidente, dopo aver licenziato i ministri, ha dichiarato lo stato d’emergenza e ha annunciato che appena sarà possibile saranno indette elezioni anticipate.

Il primo ministro Ismail Haniyeh ha risposto affermando che il suo governo non si ritirerà ma ha promesso che non sarà proclamato uno stato a Gaza e ha chiesto ai militanti di Hamas di frenare le violenze e dichiarare un’amnistia generale.

Gli Stati Uniti hanno confermato il loro sostegno ad Abbas per bocca del segretario di Stato Condoleeza Rice: “Il presidente Abbas ha esercitato la sua legittima autorità in quanto presidente dell’Autorità palestinese e leader del popolo palestinese. Voglio ricordare che è stato eletto nel 2005 da un’ampia maggioranza, e noi lo sosteniamo pienamente”.

Secondo fonti mediche, nella sola giornata di ieri negli scontri fra Hamas e Fatah sono rimaste uccise più di trenta persone. Da sabato sarebbero quindi oltre cento le vittime del conflitto fratricida. Un conflitto che non è riuscita a fermare, lo scorso marzo, neanche la formazione di un governo di unità nazionale.