ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Arrestato a Yogyakarta il capo della Jemaah Islamiah

Lettura in corso:

Arrestato a Yogyakarta il capo della Jemaah Islamiah

Dimensioni di testo Aa Aa

La Jemaah Islamiah, la più grossa organizzazione terroristica del Sud-Est asiatico, decapitata da una retata della polizia. Zarkasih, nome di battaglia Mbah, è stato arrestato sabato scorso a Yogyakarta, città dell’isola di Java. E’ considerato il capo supremo della rete. Abu Dujana, arrestato nel corso della stessa operazione, è invece il capo dell’ala militare del gruppo.

La Jemaah Islamiah rappresenta la falange di al Qaeda nella regione. Le forze dell’ordine indonesiane, che hanno catturato altri 6 presunti terroristi islamici, ritengono che l’interrogatorio di Zarkasih permetterà nuovi arresti: sono oltre 300 le persone catturate negli ultimi 5 anni.

Nel 2002 il più grave attentato attribuito alla Jemaah Islamiah, seppure mai rivendicato: 202 vittime, in gran parte turisti australiani, in una esplosione a Bali. Accertata è invece la responsabilità del gruppo per gli attacchi al Marriott Hotel nel 2003 e all’ambasciata australiana l’anno dopo a Jakarta.