ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Striscia di Gaza verso la guerra civile.

Lettura in corso:

Striscia di Gaza verso la guerra civile.

Dimensioni di testo Aa Aa

Giornata di sangue in Medioriente. Si moltiplicano gli scontri nella Striscia di Gaza, dove è ormai guerriglia urbana.
L’onda di violenza raggiunge anche la Cisgiordania, con nuovi scontri a Nablus, e nel vicino campo profughi di Ain Beit Elma, tra i militanti di Hamas contro i filogovernativi di Al-Fath, vicini al presidente dell’autorita palestinese Mamoud Abbas.
In risposta all’attacco di ieri delle Brigate dei martiri di Al-Aqsa, braccio armato di al-Fatah, alla sede televisiva di Hamas, stamattina i miliziani islamici hanno colpito la sede del comando della Forza di Sicurezza di al-Fatah, a khan younes, sud di Gaza. L’esplosione ha provocato 20 morti e numerosi feriti tra poliziotti e civili. In tutto 70 vittime solo negli ultimi 5 giorni.
Falliti i tentativi della mediazione egiziana per una tregua, il presidente Mamoud Abbas torna a chiedere il cessate il fuoco: “E’ pura follia. non accuso nessun partito, ma chiunque arriva alla violenza delle armi e`responsabile. Che la strada del sangue si fermi”.
Questa mattina migliaia di palestinesi sono scesi nelle strade di Gaza per una marcia pacifica contro la violenza, ma i manifestanti si sono dispersi sotto gli spari incrociati di Hamas e al fath.
In una città incandescente i cooperanti italiani sono stati trasferiti a Gerusalemme e l’agenzia dell’Onu che si occupa dei rifugiati palestinesi ha sospeso le attività nei territori della Striscia.