ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Eads: il direttore generale Jean-Paaul Gut getta la spugna

Lettura in corso:

Eads: il direttore generale Jean-Paaul Gut getta la spugna

Dimensioni di testo Aa Aa

Le polemiche in seno all’Eads, gruppo aereonautico europeo cui fa capo Airbus, non finiscono mai. Dopo le dimissioni di Christian Streiff e l’arrivo al vertice di Louis Gallois Jean-Paul Gut, direttore generale del gruppo getta la spugna.

Con una liquidazione di di due milioni e ottocentomila euro, due anni di stipendiio, Gut lascia Eads dopo aver constatato sulla propria persona l’impossibilità di trovare un’intesa sull’organizzazione interna al gruppo.

Una partenza di comune accordo almeno è questa l’impressione che dà il comunicato che sancisce la separazione: prova ne è che Gut continuerà a collaborare con Eads in qualità di consulente esterno.

Sta di fatto che la crisi di Eads è profonda. Se i conti dal 2003 al 2005 registrano una crescota folgorante degli utili, altrettanto stupefacente è il crollo dei profitti lo scorso anno: 99 milioni di euro pari al 94% in meno.

Gut era uno degli ultimi “Largardère boys” rimasti in Eads, dopo che ne era uscito Philippe Camus, co- presidente fino al 2005, Jean-Louis Gergorin, travolto dallo scandalo Clearstream, e Noel Forgeard, l’ex patroni di Airbus passati brevemente ai comandi della casa madre costretto alle dimissioni per sospetti di insider trading e per i ritardi dell’A 380.