ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Milano: sospeso il processo ad Abu Omar

Lettura in corso:

Milano: sospeso il processo ad Abu Omar

Dimensioni di testo Aa Aa

Sospendere il processo in attesa della pronuncia della Corte costituzionale sul conflitto tra poteri dello stato. É la richiesta avanzata dai difensori degli imputati per il sequestro dell’ex imam di Milano, Abu Omar, nella prima udienza che si è aperta oggi presso la Corte d’Assise d’Appello di Milano. Imputati del sequestro sono l’ex direttore del Sismi, Nicoló Pollari, altri 6 funzionari dei servizi e 26 agenti della Cia. Il difensore di Pollari, Titta Madia, avrebbe preferito un processo a porte chiuse.

“É un problema per la sicurezza dello stato discutere questioni cosí delicate in pubblico. Si tratta di fonti dei servizi segreti, di rapporti tra i servizi italiani e americani, di terrorismo internazionale”. Il giudice Oscar Magi ha invece deciso che il processo sarà pubblico e lo ha aggiornato al 18 giugno in attesa di pronunciarsi sulla richiesta di rinvio avanzata dalle difese.

Accusato di terrorismo, Abu Omar fu prelevato il 17 febbraio del 2003 da un commando costituito da agenti Cia e da uomini del Sismi nei pressi della moschea milanese di viale Jenner, trasferito ad Aviano, quindi a Ramstein, in Germania e da qui in una prigione egiziana dove sostiene di essere stato torturato.